fbpx
Seleziona una pagina

Inutile prenderci in giro: imparare l inglese, ormai, è il primo piccolo ma fondamentale passo da compiere se davvero vuoi svoltare.

Io era un bel po’ che ci stavo pensando ma continuavo sempre a rimandare, fino a quando un bel giorno è successo ciò che mai mi sarei aspettato.

 

L’anno in cui Dio mi ha tolto la sedia (da sotto le chiappe!)

Ce li hai presente quei momenti della tua vita, in cui capitano una lunga serie di (s)fortunati eventi? Quegli attimi in cui scatta quel qualcosa nella testache ti fa riflettere seriamente su quanto sia arrivato il momento di cambiare?

Beh! Personalmente quel momento è arrivato, nel 2017, colpendomi diritto in faccia in modo così violento, manco fosse una palla da baseball lanciata, al suo esordio, da Ventura Yordano.

Per lui fu un record di 165,44 km/h mai più ripetuto, per me quest’anno, è stato un record di innumerevoli disastri professionali e personali.

 

Per fartela breve, tutto andava tranquillo e sereno, fino al giorno in cui ricevo l’e-mail inaspettata:

“Ciao Cosimo, ho letto il tuo report mensile e sono contento di questi due anni passati insieme, di come hai fatto evolvere il mio progetto online e dei numeri che abbiamo raggiunto. Ma visto che mio figlio ha appena finito l’università, adesso potrebbe gestire lui il mio sito web e il marketing aziendale…puoi per favore insegnargli come si fa nei prossimi due mesi?”

 

Ebbene sì, ti accorgerai molto presto che gli imprendaioli italiani non danno alcun valore al web marketing, anche se ogni mese gli presenti un ritorno sull’investimento che nessun altro media pubblicitario gli potrà mai dare.

Sul discorso di insegnargli in due mesi quello che io ho imparato in 10 anni, tra fallimenti, tastiere rotte e lacrime amare, beh preferisco davvero non commentare.

 

Viaggiare e Imparare l inglese: è arrivato il momento!

Digerita la batosta – credimi davvero inaspettata – ho elaborato il lutto e mi si è illuminata la lampadina: “Cosimo, che ne dici di quel viaggio in Inghilterra tanto desiderato?”

Di per sé, l’obiettivo era quello di imparare l’inglese, quasi come un madrelingua.

Ma c’erano due cose di cui tener conto:

  1. Non volevo andare lì senza spiaccicare neanche mezza parola.
  2. A breve avrei perso la mia principale fonte di guadagno.

Così ho deciso, come spesso accade, di rimboccarmi le maniche e darmi da fare.

 

4 risorse online per rispolverare le basi

Il primo passo era quello di rispolverare le basi di un inglese maccheronico appreso nei miei viaggi moltissimi anni fa.

Navigando per la rete, ho trovato davvero una marea di siti web, di video e di app (gratuite e non) che possono aiutarti a imparare la lingua inglese.

Io, personalmente, ho trovato molto utili queste quattro:

 

1) Duolinguo

Una divertente app gratuita che ti aiuta a memorizzare nuovi vocaboli in modo facile, veloce e per nulla noioso.

 

2) AbaEnglish

Un vero è proprio corso online a pagamento. Ne esistono molti altri lo so, ma io mi son trovato davvero bene con questo.

 

Consigli per gli acquisti

Iscriviti alla versione gratuita e permetti loro di inviarti pubblicità e promozioni sulla tua e-mail. Dopo pochi giorni o settimane, ti arriveranno delle offerte sempre più interessanti.

Il primo anno, io ho pagato circa 79€/anno per 2 account (me e la mia ex compagna).

Dopo un anno ho disdetto perché volevano 199€ e dopo due settimane dalla disdetta, mi hanno fatto un’offerta di 59€ + iva per un altro anno, ed ho accettato.

Non aver paura a disdire l’abbonamento annuale, in qualsiasi momento poi rinnovi, avrai di nuovo accesso al tuo account, senza dover ricominciare da zero.

 

3) Google Translate

Questa app sarà la tua migliore amica durante tutto il viaggio, credimi.  E’ stata la mia salvezza in moltissime conversazioni.

Ma ricordati di scaricare la versione offline. Anche se in Inghilterra c’è internet ovunque, potrebbe succedere che proprio in quell’istante in cui hai bisogno, la connessione proprio non vuole funzionare.

 

4) Anglophenia

Un simpatico canale Youtube che ti mostra un sacco di curiosità interessanti riguardo gli inglesi e l’Inghilterra.

Ti aiuterà molto ad allenare la capacità di ascolto e la comprensione della lingua.

 

3 consigli extra

Ovviamente ci sono tante cose che tu puoi fare per perfezionare il tuo inglese, ad esempio puoi:

  • Vedere i tuoi film e telefilm preferiti in lingua originale, all’inizio magari aiutandoti con sottotitoli in inglese. Probabilmente non capirai niente le prime volte, ma pian piano l’orecchio si abitua e vedrai che andrà sempre meglio.
  • Leggere in inglese. Inizia con dei libri semplici come quelli per bambini e poi passa a letture sempre più complesse. Leggi anche riviste e giornali o blog in inglese (il trucco è quello di leggere argomenti di cui sei interessato, perché sarai più stimolato a comprendere.)
  • Tradurre e memorizzare tutto quello che vedi e che ti circonda. Un esercizio che a me ha aiutato molto, perché davo subito un nome alle cose di utilizzo comune.

 

Come girare per l’Inghilterra, relativamente con poco!

Tutto quello che ho scritto sopra, ovviamente, sono cose che puoi fare tranquillamente seduto sul divano di casa tua, come ho fatto io all’inizio per rispolverare un po’ le basi del mio inglese.

Ma se c’è qualcosa che ho capito, soprattutto nei miei 6 mesi passati a Rio de Janeiro tanti anni fa, è che se vivi sul posto, non c’è n’é, la lingua la impari molto più rapidamente, se ovviamente tieni a distanza la marea di italiani che ci vivono (altro che cinesi in Italia).

Io volevo unire l’utile al dilettevole, imparare l’inglese sì, ma nel frattempo scoprire nuovi luoghi, un modo diverso di vivere e soprattutto di pensare.

Ma visto che non avevo così tanti soldi in quel periodo, ho trovato delle soluzioni alternative.

 

Ryanair

Partendo dall’Italia, è ancora oggi la compagnia aerea più economica per andare in Inghilterra, il sevizio è quello che è ma si sa che come spendi mangi.

Quando ho deciso di partire, ho aperto il sito web della Ryanair, ho inserito la tratta Brindisi-Londra, ho scelto un giorno in cui il biglietto era conveniente e l’ho acquistato senza pensarci troppo (i ripensamenti fanno presto ad arrivare.)

Praticamente mi è costato 30€ di biglietto + 20€ di valigia da imbarcare.

 

National Express

Uno dei problemi principali del viaggiare nel Regno Unito sono proprio i trasporti, incredibilmente cari.

Quando mi è stato possibile, ho evitato i treni e ho optato per i Bus della National Express, molto spesso – ma non sempre – più economici.

 

WorkAway

Il problema adesso era “dove andare a dormire senza spendere un capitale?”

Si sa che una delle noti dolenti dell’Inghilterra sono proprio gli alloggi, così facendo qualche ricerca ho scoperto la community di WorkAway: Un punto di incontro tra volontari e proprietari che ti ospitano in cambio di lavori di vario genere (giardinaggio, pulizie, babysittig, dogsitting, creazione siti web e tanto altro.)

Ovviamente devi essere parecchio flessibile e quasi sempre si tratta di lavori manuali in luoghi non proprio nel centro della città in cui desideri andare. Ma credimi, visti i prezzi delle case in affitto in Inghilterra, questa è davvero una manna caduta dal cielo per chi vuole viaggiare a basso prezzo e imparare l inglese.

E poi hai l’incredibile vantaggio, da non sottovalutare, di ritrovarti in un ambiente in cui sei costretto a parlare ed apprendere la lingua, se vuoi comunicare con qualcuno e non vuoi essere un asociale.

 

Esistono tanti altri siti web simili, ma ad essere sincero solo WorkAway mi ha davvero aiutato a trovare alloggio in Inghilterra senza pagare.

Per quanto ne so, esistono altri due servizi simili online molto utilizzati: Woof – per chi vuole fare il volontario nelle campagne di tutto il Mondo – e AuPair – soprattutto per ragazze, che ricevono ospitalità in cambio di babysitting e pulizia della casa.

Io personalmente non li ho utilizzati quindi non saprei dirti quanto sono validi.

 

Alcune raccomandazioni importanti:

Se è la prima volta che viaggi, non fare questi errori molto comuni:

  • Non mandare richieste a raffica con un testo pre-impostato. Leggi il profilo della gente e presentati come si deve. Immagina se ti arrivasse a te un’email pre-compilata quanto prenderesti in considerazione quella richiesta.

 

  • Se ti ospita una donna, non fare il solito marpione, non ci provare (a meno che non sia lei a mostrarti particolare ed evidente interesse.) Lo so, sembra assurdo dover scrivere questo punto, ma se leggi i commenti nei gruppi, scoprirai che è un comportamento molto frequente.

 

  • Vai in famiglie con figli. I bambini, più dei grandi, sono degli ottimi insegnanti della lingua.

 

  • Lavora per un po’ in Inghilterra. Anche se hai un lavoro online come me o abbastanza soldi per campare senza lavorare in quei mesi. Approfittane per fare qualche soldino e per avere a che fare con gente nuova con cui praticare il tuo inglese. Quasi in tutte le città troverai sempre dei coffe shop, negozi e non solo, in cerca di lavoratori anche temporanei.

 

Sii flessibile!

Una persona si era offerta di ospitarmi a Nottingham per due settimana ma, durante la mia permanenza a Bath, a distanza di 10 giorni dalla data prevista in cui doveva ospitarmi, si è tirato indietro.

Non essere scortese in questi casi. Ognuno ha la sua vita e quindi i suoi possibili imprevisti. Sii piuttosto molto flessibile, accetta che possano avvenire dei cambi di programma.

Quel giorno, appena ho riaperto Workaway, mi è venuta fuori sulla Sidebar a destra la richiesta di un ostello a Birmingham, gli ho mandato un messaggio e dopo un breve scambio di e-mail sapevo dove andare per la prossima settimana.

 

In conclusione

Così è iniziato il mio nuovo viaggio, in giro per l’Inghilterra, per praticare ed apprendere una nuova lingua.

Spesso per poterti svegliare, chiunque ci sia lassù e in qualsiasi modo vogliamo chiamarlo, è costretto a toglierti la sedia da sotto le chiappe e con me, ci è riuscito particolarmente bene.

Se anche tu sei arrivato a quel fatidico momento in cui vorresti mollare tutto e cambiare vita, inizia col fare la cosa più semplice e sensata: impara l’inglese e magari viaggia per un po’, ti aiuterà molto a schiarirti le idee, vedrai.